Pellet in offerta su internet: 5 consigli per acquistare in sicurezza

È possibile acquistare pellet in offerta su internet durante il periodo prestagionale? Come difendersi dalle truffe? Ecco alcuni consigli utili per acquisti sicuri e di qualità

È assodato: primavera ed estate sono i periodi migliori per acquistare pellet in offerta. Perché costa meno ed è immediatamente disponibile.

In questi ultimi anni, però, episodi spiacevoli hanno messo in cattiva luce il settore, rendendo internet un terreno insidioso per gli acquirenti.

Cosa significa questo? Che dobbiamo rinunciare al risparmio che internet può dare? Non necessariamente.

Ecco 5 consigli che potrebbero aiutarvi a smascherare possibili truffe o salvarvi da acquisti poco convenienti.

1 Attenzione al pellet in offerta a prezzi troppo bassi

Come abbiamo già spiegato nel nostro e-book sulla convenienza del periodo prestagionale, diffidate sempre da offerte che decantano prezzi bassissimi. Non sono reali.

Nel mercato del pellet, il guadagno sul prodotto è molto basso. Trovare prezzi extra convenienti potrebbe quindi nascondere un prodotto scadente o una truffa. Questo, ad esempio, è proprio ciò che è successo lo scorso anno in uno dei casi di truffa del pellet che ha avuto maggiore risonanza mediatica. Ricordate: prezzi troppo bassi sono insostenibili per un’azienda seria che rivende prodotti di alta qualità.

2 Acquistate su siti specializzati

Un altro consiglio che possiamo darvi è acquistare pellet in offerta su siti specializzati nel commercio di biocombustibili. Sicuramente potreste trovare molte offerte, anche convenienti, su siti come Subito, ma potreste anche scontrarvi con finte offerte e truffe.

Un sito specializzato ha tutto l’interesse di offrire una buona scelta di marchi e maggiori informazioni sulla certificazione del prodotto. Avrete inoltre a che fare con un customer care più preparato, capace di consigliarvi durante il processo di acquisto.

Se acquistate da un e-commerce, poi, non dimenticate di tutelare i vostri dati.

Al momento del pagamento, accertatevi che, in alto a sinistra, prima del nome del sito, sia presente un lucchetto chiuso verde: indica che l’e-commerce è dotato di un sistema di protezione dei dati SSL. Come potete vedere, sul nostro sito è presente.

3 Riconoscere i falsi annunci

Potrebbe capitare che su siti aggregatori di annunci (come Subito o Ebay per intenderci) incappiate in una truffa. Siamo chiari, i gestori dei portali non sono i diretti responsabili della cosa, ma dovete imparare a salvaguardarvi e a riconoscere le finte offerte, qualora decidiate di acquistare il vostro bancale qui.

Basta seguire poche e semplici regole. La prima, anche in questo caso, è non farsi abbindolare da prezzi troppo bassi. Una cosa è trovare un’offerta, un’altra un prezzo ridicolo.

In secondo luogo, cercate nell’inserzione un recapito telefonico valido e controllate bene la descrizione delle caratteristiche del prodotto.

Un’altra cosa che potete fare, e che vale sempre, anche per gli acquisti effettuati sui siti specializzati, è chiedere che vi vengano mandate le foto del prodotto.

4 Aziende vere

Utile potrebbe essere anche verificare che l’azienda a cui state effettuando il pagamento sia fornita di riferimenti quali numero di partita Iva, numero di telefono fisso, un indirizzo fisico vero e altri dati utili a mantenere i contatti.

Cercate di scegliere aziende consolidate nel settore e capaci di garantire la propria presenza, in qualsiasi fase dell’acquisto e in qualunque momento il cliente abbia bisogno di supporto.

5 Verificare la qualità del prodotto

Infine, non dimenticate mai di controllare la qualità del prodotto. Risparmiare va bene, ma acquistare pellet in offerta scadente potrebbe arrecare danni alla stufa e all’ambiente.

In questo caso, i marchi certificati possono essere una garanzia. A patto che siano veri.

Uno dei marchi più accreditati è il marchio ENplus. In questo caso, per riconoscere se un marchio è vero, assicuratevi che:

  • sul sacco sia riportata la dicitura “pellet di legno” accompagnata dalla classe di qualità del prodotto in base alla norma di riferimento (ISO 17225-2);
  • sul sacco sia riportato il marchio di certificazione ENplus completo di numero identificativo;
  • che il numero identificativo corrisponda a un’azienda effettivamente in possesso della certificazione;
  • sul sacco sia presente la classe di qualità e il peso del pellet venduto;
  • che il pellet acquistato sia idoneo all’apparecchio termico a cui è destinato, stufa o caldaia.

PelletPlus, ad esempio, è un distributore certificato ENplus per la classe A1, come potete controllare sull’elenco del sito ufficiale ENplus.

Questi sono pochi e semplici consigli che possono aiutarvi nei vostri acquisti.

Se siete alla ricerca di pellet, visitate la nostra sezione dedicata o inviate una mail a commerciale@pelletplus.it con le vostre richieste.