Provvedimenti anti smog: i divieti di Emilia Romagna e Lombardia che riguardano le biomasse

Provvedimenti anti smog: le regioni corrono ai ripari. Ecco le disposizioni che interessano chi ha in casa una stufa a pellet

Norme anti smog in Lombardia ed Emilia Romagna. Le due regioni hanno varato nuovi provvedimenti, che interessano anche i possessori di dispositivi di riscaldamento a biomassa. Le norme anti smog sono valide a partire dal primo ottobre.

Norme anti smog: Emilia Romagna

Attivi a Ferrara, a partire dal primo ottobre, divieti sia in merito ai generatori di calore più inquinanti che ai diesel euro 4. Le misure anti smog riguarderanno i comuni con più di 30 mila abitanti.

Le disposizioni sono contenute nel Nuovo Accordo per la qualità dell’aria del bacino padano. Il documento è stato firmato congiuntamente anche da Lombardia, Piemonte e Veneto.

Le disposizioni sono applicate in condizioni di allerta definite da sforamenti consecutivi della soglia massima giornaliera di micropolveri.

Nello specifico, il primo livello di allerta è fissato dopo quattro giorni consecutivi di sforamenti. In questo caso, le misure anti smog prevedono il divieto di adoperare stufe a biomassa legnosa inferiori alla classe 3 stelle per qualità di prestazione emissiva. Lo stop è valido solo in caso di assenza di un impianto di riscaldamento alternativo.

Il secondo livello di allerta scatta dopo dieci giorni consecutivi di sforamento della soglia massima di micropolveri. In questo caso, il divieto è esteso anche alla classe di stufe a pellet a tre stelle.

Le limitazioni vigono fino all’interruzione degli sforamenti.

Norme anti smog: Lombardia

Per quel che riguarda la regione Lombardia, il D.g.r. 18 settembre 2017 – n. X/7095 stabilisce il divieto di nuova installazione di generatori di calore alimentati da biomassa legnosa, con prestazioni emissive inferiori a quelle corrispondenti al seguente elenco:

  • «due stelle», per i generatori che saranno in esercizio dall’1/10/2018;
  • «tre stelle», per i generatori che saranno in esercizio dall’1/1/2020.

Dal primo ottobre 2018, nei generatori di calore a pellet con potenza termica nominale inferiore ai 35 kW, è consentito l’utilizzo di pellet con certificato conforme alla classe A1 della norma UNI EN ISO 17225-2. Il certificato deve pervenire da parte di un Organismo di certificazione accreditato.

 

Se siete alla ricerca di un prodotto certificato, sicuro e altamente performante, venite a conoscere il nostro PelletPlus YellowPine, certificato EnPlus A1 nella sua sezione dedicata.